L’ALTA LANGA IN QUATTRO CALICI

24 Aprile 2022

Alle ore 16.00

Cortile della Maddalena - Sala Beppe Fenoglio

Prezzo: € 20

In questo incontro il pubblico verrà guidato alla profonda scoperta delle “alte bollicine piemontesi”.

Saranno presentate quattro espressioni di Alta Langa Docg tra le diverse possibilità offerte dal disciplinare: Pinot Nero in purezza, Chardonnay in purezza, cuvée di Pinot nero e Chardonnay e una riserva (oltre 36 mesi di affinamento sui lieviti).


LA DENOMINAZIONE ALTA LANGA
L’Alta Langa Docg è lo spumante metodo classico del Piemonte. La denominazione ha oggi una produzione di 3 milioni di bottiglie dalla vendemmia 2021 e una storia molto lunga alle spalle: fu il primo metodo classico a essere prodotto in Italia, fin dalla metà dell’Ottocento. L’Alta Langa ha ottenuto la Doc nel 2002 e la Docg a partire dal 2008. È fatto di uve Pinot nero e Chardonnay, in purezza o insieme in percentuale variabile; può essere bianco o rosé, brut o pas dosé e ha lunghissimi tempi di affinamento sui lieviti, come prevede il severo disciplinare: almeno 30 mesi.  A ulteriore testimonianza della perenne ricerca della migliore qualità, l’Alta Langa è esclusivamente millesimato, è cioè frutto di un’unica vendemmia e riporta sempre in etichetta l’anno della raccolta delle uve.

Viene prodotto in un territorio collinare (dai 250 metri slm in su) che abbraccia le province di Asti, Cuneo e Alessandria: una terra che guarda le cime innevate delle Alpi, ma respira il mare e raccoglie l’eredità conservata dagli avi, mantenuta intatta senza subire trasformazioni radicali come è avvenuto invece nelle basse colline. Quello dell’Alta Langa è un territorio prezioso, da sostenere, in cui è salvaguardata la biodiversità.  Terra letteraria, terra straordinaria di resistenze – di guerre e di culture – che ha fatto fronte ai cambiamenti e li ha assecondati senza perdere il suo bagaglio di memoria e la sua forte identità.

Tutti gli appuntamenti di: Vinum Lab - Vinum 2022